Cosa ti ha spinto a diventare animatore?

Ciò che mi ha spinto maggiormente a diventare animatore e quindi a intraprendere quest’esperienza con Samarcanda è stata la convinzione che quest’ultima avrebbe potuto darmi la possibilità di conciliare la mia passione, la danza, con il mondo lavorativo, e così è stato. Inoltre un altro motivo è stata la convinzione che questa avventura mi avrebbe fatto crescere sia a livello personale che a livello umano, avrei potuto conoscere nuove persone e stringere nuovi legami. Un grazie a Samarcanda per aver reso possibile tutto ciò.

 

Perché Samarcanda?

Ho deciso di provare a collaborare con Samarcanda perché la sua reputazione non mente. Premetto di aver conosciuto Samarcanda via Internet totalmente per caso ma una volta aver letto la sua storia, i suoi successi e il modo e la passione con cui lavora, ero al cento per cento sicuro di voler collaborare con questa grande famiglia. Sicuramente ho deciso di lavorare con Samarcanda perché credo che ti permetta di coltivare la tua passione e allo stesso tempo di adattarla ad un mondo lavorativo, cosa non molto scontata.

 

Come immagini la tua esperienza nel villaggio turistico?

Premettendo il fatto che Samarcanda ha fatto perfettamente centro in quello che erano i miei desideri e sogni, mi aspetto una stagione ricca di divertimento, sicuramente di lavoro ma soprattutto di emozioni;  essendomi stato assegnato il ruolo di ballerino in un villaggio dove la danza e l’arte in generale vengono molto apprezzate, mi sento addosso una responsabilità notevole che penso di poter sostenere, semplicemente perché farò quello che mi piace e quello per cui mi sono candidato a Samarcanda: ballerò tutto il giorno tutti i giorni. Aspetto solo con ansia ed emozione la data di partenza!

Lorenzo Valtolina Animatore Samarcanda

WhatsApp chat Diventa Joyner Samarcanda