Gianluca, prima stagione da Samarcandino al villaggio Welcome: abbiamo letto la sua lettera e non potevamo non pubblicarla anche qui.
Grazie Gianluca per le parole che anche noi Samarcandini di vecchia “data” condividiamo e che ci riportano alle nostre “prime stagioni” e allo spirito entusiasta e alla voglia di farcela
Comlimenti continua così!

Siamo quasi li, ci stiamo avvicinando….

Ebbene si, sono quasi 2 mesi che io sono in questo fantastico villaggio, 18 anni e partire subito per stare fuori casa 3 mesi è un’esperienza di vita che ti aiuta a crescere, ti fa maturare, perché si è ribaltati da una situazione dove hai tutte le comodità  a casa e a portata di mano ad un’altra dove sei tu che ti rimbocchi le maniche e cresci, diventi uomo, un uomo in grado di affrontare la vita con un’altra testa ed un altro spirito!

Direi che la cosa fondamentale qui, in questo fantastico villaggio, è il legame umano che ci appartiene, il fatto di sentirsi a casa perché si ha dei colleghi con cui poter parlare scherzare ed i quali sono seri e professionali quando è il caso.

Ma la cosa che forse più gratifica e ti fa veramente capire di che pasta sei, SIAMO fatti!

E quando dopo settimane di prove arrivi al venerdì, esci con il musical di punta e ci sono ospiti che piangono, ti abbracciano, ti cercano, e addirittura fanno dei video per l’intera Equipe.

Ecco signori io credo che questo lavoro dia soddisfazioni che quasi nessun altro possa darti.

Con questo vi auguro una buona giornata ed io vado a fare accoglienza, baci.

WhatsApp chat Diventa Joyner Samarcanda