Cosa ti ha spinto a diventare animatore?

Ho scelto di partecipare alle selezioni come animatore – tecnico tramite l’Academy che si è svolta a Bellaria. Vengo da esperienze lavorative prevalentemente in locali notturni. Mi occupo del settore tecnico delle discoteche con piacere, ma crescendo sento il bisogno di una posizione nel settore artistico con temi meno legati al divertimento notturno e più vincolati al settore spettacolo teatrale, intrattenimento e animazione. Sono convinto che un ambiente giovane e dinamico possa influenzare in senso positivo il lavoro di un operatore dello spettacolo/animazione, credo quindi che sono stato spinto a diventare tecnico-animatore anche per questa ragione, ovvero essere parte di un team creativo legato a dinamiche giovanili.

Perché Samarcanda?

Samarcanda perché la società mi ha trasmesso un’immagine seria. La possibilità di avere il colloquio in una delle sedi, ad esempio, trasmette sicurezza. Il personale che accoglie i candidati trasmette professionalità, trasmette i valori del marchio e gli standard ricercati. L’assistenza che ci viene fornita nelle fasi di selezione è utile e professionale.

Come immagini la tua esperienza nel villaggio turistico?

Come immagino la mia esperienza? Bella, come è stata la permanenza all’Academy. Dura, come è stata la permanenza all’Academy. Personalmente debbo preparare i materiali che mi occorrono, e fare le valigie per la mia prima stagione. E ovviamente l’emozione ci sta. Ma credo che l’Academy, ed il mio coach, mi abbiano dato tutto il necessario per affrontare il lavoro con precisione, professionalità e sorriso.

Claudio Capuano Animatore Samarcanda

WhatsApp chat Diventa Joyner Samarcanda