Cosa ti ha spinto a diventare animatrice?

Quando ero bambina i miei genitori mi portavano sempre in villaggi turistici l’estate al mare, e ricordo quanto ammiravo gli animatori e quanto speravo di essere al loro posto un giorno. Quindi, è sempre stata una cosa presente in me, mancava solo il come e il dove e quando è arrivata l’opportunità non ho sprecato un minuto e l’ho presa al volo. La mia risposta alla domanda è semplicemente questa: è un sogno che si avvera.

Perché Samarcanda?

Mia mamma ha sempre saputo di questo mio sogno, due estati fa ha conosciuto Max Luzzi a Trento e, quando ha scoperto di cosa si occupava, ha subito pensato a me, e una volta tornata a casa, mi ha detto che poteva esserci quest’opportunità.       

Come immagini la tua esperienza in villaggio?

Momentaneamente non riesco ancora ad immaginarmela. In ogni caso spero sia come ho sempre sognato e quindi: piena di nuove persone da conoscere e divertire, ricca di avventure e di nuove esperienze (che siano belle o brutte) che riescano a fare uscire la persona dinamica e piena di vita che c’è dentro di me, richiesta per il lavoro che sono  stata chiamata a fare.

Aurora Filippi Animatrice Samarcanda

WhatsApp chat Diventa Joyner Samarcanda