Cosa ti ha spinto a diventare animatore?

Mi ha spinto la voglia di mettermi in gioco: fare l’animatore non è un lavoro come gli altri, è uno stile di vita dove l’obiettivo principale è far sorridere la gente e lasciare un bel ricordo della vacanza.

Perché Samarcanda?

Perché ho avuto l’occasione di vederla in azione e ha lasciato in me un segno tangibile; inoltre è molto professionale e, a mio avviso, la migliore in Italia.

Come immagini la tua esperienza nel villaggio turistico?

Mi immagino un grande insieme di emozioni, un viaggio che mi aiuterà a superare le insicurezze e sicuramente un’esperienza indimenticabile piena di impegno, responsabilità ma anche di divertimento e allegria.

Annalisa Signorello Animatrice Samarcanda

WhatsApp chat Diventa Joyner Samarcanda