Search here:

La tua citazione preferita è: “Se ci pungete, noi non sanguiniamo? Se ci fate il solletico, non ridiamo? Se ci avvelenate, non moriamo? E se ci fate un torto non dobbiamo vendicarci? Se siamo come voi nel resto, somiglieremo a voi anche in quello.” Shakespeare, il mercante di Venezia.

Descriviti usando tre aggettivi: intuitivo, rispettoso, amichevole.

Raccontaci il luogo dove vivi: vivo in un paese fuori Roma che si chiama Formello. Il paese inizia dall’uscita della Cassia bis; premetto che la strada da percorrere sarà sempre dritta, essendo un paese, tutto è incentrato sulla via principale e non c’è altro modo per attraversarlo. Appena imboccata la Formellese, strada principale del paese, si inizia a vedere la natura, continuando a percorre la stessa via poco più avanti si innalzano due pareti, e sulle cime si trovano molti alberi che coprono la via; e in fondo a questa via si apre la parte bassa del paese. Sulla destra c’è il centro storico, un castello su un piccolo monte, con pareti a picco e con ancora il vecchio portone. Più avanti una grande curva a destra, con attorno i giardinetti comunali, la scuola elementare, pizzeria e il bar di paese; più avanti la via inizia a salire e c’è un’altra curva a sinistra, e salendo ci sono altre pareti molto più alte, dove si trovano delle cantine per il vino, chiuse da grandi portoni di legno. Appena passato il monte sulla sinistra si trova la caserma dei carabinieri e sulla destra zone residenziali, sempre più avanti la strada si biforca; ed è qui che la strada cambia; girando a destra ci si trova in una stradina più stretta del solito, non progettata per grandi macchine. Sulla sinistra si trova una fattoria con una coltivazione di nocciole, separata da un campo dove si possono vedere cavalli liberi, sulla destra si trovano delle villette, e la via sale, fino a una curva a destra, che porta a una discesa. Sulla sinistra c’è una coltivazione di ulivi e dopo un casale, i proprietari di tutte le terre intorno a dove vivo. Poco più avanti sulla sinistra si trova un cancello grande in ferro, tutto verde, come la natura che lo circonda e quello è il cancello del comprensorio dove vivo io.

Qual è la cosa più preziosa che possiedi? La mia famiglia.

Se avessi una bacchetta magica cosa faresti? Cercherei di scoprire i segreti dell’uomo per aiutarlo.

Hai un ricordo indimenticabile? Si un viaggio che feci alle Seychelles da piccolo avevo più o meno 8 anni e passai tutta la vacanza con una febbre spaventosa, ma ho dei ricordi molto vividi di quella esperienza che mi ritornano di continuo portando con sé belle sensazioni.

Quali sono i tuoi hobby? Lavorare in giardino con i miei genitori, andare in barca a vela, studiare e scoprire cose nuove.

Qual è il tuo sogno nel cassetto? Comprarmi una barca a vela e viaggiare il più possibile alla ricerca della conoscenza e di altre culture che non ho mai visto.

Se non fossi un animatore, saresti? Sarei un istruttore di barca a vela.

DavideMisanSaya